Analisi lettera a Don Benedetto Castelli

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinyoutubetumblr

Analisi lettera a Don Benedetto Castelli

Analisi lettera a Don Benedetto Castelli

In questo articolo trovate l’analisi della lettera scritta da Galileo Galilei a Don Benedetto Castelli.
Galilei scrisse la lettera a Don Benedetto Castelli, un frate benedettino, suo allievo, nel 1613.
Galileo Galilei in questo testo presenta tutta una serie di riflessioni circa la possibilità di usare le Sacre Scritture in questioni che riguardano la scienza, facendo l’esempio del libro di Giosuè, che nega la teoria copernicana e galileiana affermando la staticità di Sole, Luna e Terra.
Nella seconda parte della lettera troviamo invece delle riflessioni sulle teorie che sostengono che la Bibbia o più in generale le Sacre Scritture contengono la verità assoluta e non possono mentire. Galilei non smentisce il fatto che le Sacre Scritture riportino elementi dalla parola di Dio o l’esistenza di Dio stesso ma sottolinea l’importanza di una giusta interpretazione del testo. Dei gravi errori secondo lo scienziato sono ad esempio quello di prendere il puro significato delle parole contenute nella Bibbia o dare a Dio connotati umani.
Nella seconda parte della lettera indirizzata a Don Benedetto Castelli sostiene che la Bibbia e la natura derivano entrambe da Dio, tuttavia sottolinea importanti differenze:
Bibbia:

  • scritta nel linguaggio popolare in maniera simbolica
  • finalizzata alla salvezza dell’anima dell’uomo

Natura:

  • scritta in linguaggio matematico
  • finalizzata alla conoscenza

Entrambi derivano da Dio, per questo motivo non possono contraddirsi. Inoltre risulta impensabile che Dio ci abbia dotato di ragione e sensi per poi indurci a non utilizzarli.
La sintassi della lettera è ricca e facilmente comprensibile, Galilei utilizza il volgare per raggiungere un pubblico più vasto. Alla fine del testo espone la teoria eliocentrica.

 

Home

Contatti

Potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento