Il teleriscaldamento presentazione e informazioni

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinyoutubetumblr

Il teleriscaldamento presentazione e informazioni

Il teleriscaldamento presentazione e informazioni

In questo articolo trovate una breve presentazione riguardante il teleriscaldamento.

Che cos’è?

Il teleriscaldamento è un vettore energetico di produzione e di trasporto di calore (energia) ad uso prevalentemente urbano. Il teleriscaldamento è un vettore energetico essenzialmente perché non è una fonte energetica diretta bensì un sistema completo di produzione e di distribuzione di energia.

Una caratteristica che contraddistingue questo tipo di sistema da altri vettori energetici è lo sfruttamento, per produrre calore, di una fonte combustibile di cui una determinata regione è ricca o che è conveniente acquistare in quel determinato momento.

Storia

I primi esempi di teleriscaldamento li troviamo nelle terme di acqua calda romane, tuttavia i primi sistemi funzionali si svilupparono nel corso del Rinascimento e solo nel 1877, a Lockport, una cittadina dello stato di New York si riuscì a farlo diventare un sistema commerciale. A partire dal 1960 molte città europee si sono dotate del teleriscaldamento e al giorno d’oggi in quasi tutto il mondo è presente questo tipo di vettore energetico.

Come funziona la produzione di energia

La produzione di energia con questo sistema è molto semplice: una centrale di cogenerazione (produzione di energia meccanica e di calore) produce calore utilizzando svariate fonti combustibili, che possono essere energie rinnovabili (solare termico,gas naturale,geotermia,…) o meno (combustibili fossili). Un altro modo di procurarsi il calore necessario al funzionamento del sistema è il riciclaggio del calore di scarto proveniente dai processi industriali o dai termovalorizzatori. Il calore viene in seguito trasmesso al liquido termovettore che può essere l’acqua, il vapore o un altro liquido apposito. Il liquido riscaldato viene poi immesso nel sistema grazie a delle tubazioni. Il calore raggiunge la zona abitata e negli edifici è presente uno scambiatore di calore. Questo strumento permette di riscaldare l’ambiente con il calore giunto dalla centrale e di reintrodurre nel sistema il liquido che ha perso calore (donato all’edificio) per farlo ritornare alla centrale e ricominciare il processo.

Dove si trova maggiormente (diffusione spaziale)

Il teleriscaldamento presentazione informazioni

Il teleriscaldamento viene utilizzato da ormai più di 40-50 anni in tutta Europa, nel Nordamerica, in Giappone, in Corea e in Cina. Circa il 75% delle case dell’area baltica è riscaldata grazie a questo sistema e in Russia rappresenta poco più di un terzo degli impieghi energetici totali.

Vantaggi

  • possibilità di controlli più mirati su una centrale unica invece che sulle singole caldaie domestiche.

  • possibilità di utilizzare energie rinnovabili e di recuperare e riciclare energia dai processi industriali e dai termovalorizzatori

Svantaggi

  • conveniente in aree con un elevato tasso di popolazione (richiesto un certo numero di utenti)

  • lunghi tempi di ritorno degli investimenti iniziali

  • dispersione termica dei circuiti, sia primari che secondari

  • rumore prodotte dalle centrali di cogenerazione che creano inquinamento acustico

 

  • impianti di cogenerazione a metano incrementano il livello di monossido di azoto.

Conclusioni

Metodo di produzione energetica interessante per zone abitative con grandi quantità di combustibile a livello locale o per l’impiego di energie rinnovabili, che permettono la riduzione dell’impiego di combustibili fossili nocivi per l’uomo e per l’ambiente.

 

Home 

Contatti

Lascia un commento

*