La cortina di ferro in Europa

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinyoutubetumblr

La cortina di ferro in Europa

La cortina di ferro in Europa
Winston Churchill, ex primo ministro del Regno Unito durante la seconda guerra mondiale

Dal 17 luglio al 2 agosto 1945 i tre alleati di Jalta si rividero alle porte di Berlino (a Potsdam). Nel frattempo era nato un clima di diffidenza reciproca tra USA, Gran Bretagna, Francia e URSS. L’Armata rossa aveva ottenuto grossi successi militari e politici rispetto a quanto avevano immaginato e sperato gli alleati occidentali.

Gli angloamericani ritenevano che solo la bomba atomica avrebbe potuto arrestare un possibile attacco sovietico. Senza un nemico comune contro cui combattere per gli interessi politici i comunisti sovietici e le democrazie occidentali incominciarono a fronteggiarsi in modo rischioso.

A Potsdam si decise l’annessione all’URSS delle tre Repubbliche baltiche (Estonia, Lettonia e Lituania) e il passaggio di tutti i territori tedeschi orientali (oltre i fiumi Oder e Neisse) alla Polonia (che fu costretta a cedere all’URSS le sue province orientali. L’Unione Sovietica dominava di fatto sette stati: la Cecoslovacchia, una parte della Polonia, l’Ungheria, la Romania, la Jugoslavia, l’Albania e la Bulgaria.

Nel marzo 1946 Winston Churchill in una conferenza tenutasi negli USA disse che sull’Europa stava calando una “cortina di ferro”, una copertura, una protezione militare dietro alla quale si stava rafforzando l’Unione Sovietica.

Qui di seguito trovate un passaggio del discorso di Churchill pronunciato in un’università americana e una breve parte sulla cortina di ferro in Europa:

“Gli Stati Uniti si trovano oggi all’apice della potenza. Questa supremazia comporta però una terribile responsabilità per il futuro. Oggi non dovete avere solo la sensazione di aver compiuto un dovere, ma anche la preoccupazione di mostrarvi all’altezza del risultato ottenuto. I nostri due paesi si trovano di fronte a un compito evidente e ineludibile. Rifiutarlo, ignorarlo o evitarlo ci esporrà a grandi rimproveri  nel futuro. E’ necessario che i popoli di lingua inglese incentrino la loro condotta di pace con la stessa perseveranza, tenacia e chiarezza che li hanno sorretti durante la guerra. Noi dobbiamo mostrarci-e io credo che lo faremo- all’altezza di questo compito (…). Da Stettino,sul Baltico, a Trieste, sull’Adriatico, una cortina di ferro è calata attraverso il continente.Dietro questa linea si trovano tutte le capitali degli antichi Stati dell’Europa centrale e orientale: Varsavia,Berlino,Praga,Budapest,Belgrado,Bucarest e Sofia. Tutte queste illustri città e i popoli che le circondano si trovano in quella che devo definire la sfera sovietica, e tutte sono soggette a un crescente controllo da parte di Mosca”.

La situazione politica appariva così:

 

La cortina di ferro in Europa

I paesi dell’Europa orientale, tranne la Cecoslovacchia, con una tradizione politica democratica e industrialmente avanzata, erano economicamente e socialmente sottosviluppati. I partigiani comunisti con l’appoggio dei sovietici si affermarono come classe dirigente animando fronti popolari.

Gli immensi latifondi che per molto tempo avevano caratterizzato e sostenuto quella parte di Europa vennero espropriati senza indennizzo e al suo posto sorsero aziende contadine controllate dallo Stato. Anche a livello industriale ci fu un appropriazione statale, gli impianti esistenti vennero infatti nazionalizzati. I partiti di destra e centrodestra cercarono di impedire i mutamenti politici e sociali. L’avvenimento più significativo è il cosiddetto “colpo di Praga”.

Nel 1948 i partiti democratici moderati tentarono di provocare la caduta del governo filosovietico. La reazione dei comunisti fu quella di indire grandi scioperi , manifestazioni e di formare gruppi armati; i loro avversari vennero estromessi dalla coalizione governativa. Nei paesi del blocco sovietico il recupero dei livelli produttivi nell’industria fu molto rapido.L’economia comunista si dimostrò adatta ai grandi investimenti e alla re-industrializzazione, tuttavia il tenore di vita del popolo non migliorò significativamente.

HOME

CONTATTI

Potrebbe anche interessarti:

Precedente Il processo di Norimberga Successivo La crisi di Berlino e la formazione delle due Germanie

Lascia un commento

*