Autore e lettore

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinyoutubetumblr

Autore e lettore

Autore e lettoreAutore e lettore

Due figure ben distinte e fondamentali in un testo, l’autore e il lettore si distinguono secondo quanto segue.

L’autore di un testo, di un opera è colui che ha scritto la storia. I suoi dati sono generalmente reperibili attraverso biografie o interviste, inoltre il suo nome ( e quasi sempre cognome è presente sula copertina). Vediamo nel dettaglio le sottocategorie di autore e lettore.

Nel contesto letterario ci sono due tipi di autori: l’autore reale, cioè la persona fisica esterna al testo, che ha una vita autonoma e l’autore implicito, cioè l’idea che noi ci facciamo dell’autore leggendo il suo libro, costruendo quindi un pensiero personale sull’autore. L’autore implicito è quindi un elemento del testo, risiede quindi nelle pagine che leggiamo ed è molto spesso differente dall’autore reale.

Il lettore è invece l’individuo che legge il libro scritto dall’autore e ne interpreta il contenuto. Anche qui possiamo distinguere due tipi di lettori: l’autore reale, colui che legge la storia e l’autore ideale, o meglio l’idea di lettore a cui l’autore componendo l’opera, aveva pensato di rivolgersi.

L’autore si separerà dall’opera che verrà affidata a ogni tipo di lettore, dal più critico al più appassionato, che stabiliranno un determinato dialogo con la storia.

Nel testo seguente di Italo Calvino dedicato al piacere della lettura possiamo identificarci quando cerchiamo un libro (“Se una notte d’inverno un viaggiatore”)

Già nella vetrina della libreria hai individuato la copertina col titolo che cercavi. Seguendo questa traccia visiva ti sei fatto largo nel negozio attraverso il fitto sbarramento dei libri che non hai letto che ti guardavano accigliati dai banchi e dagli scaffali cercando d’intimidirti. Ma tu sai che non devi lasciarti mettere in soggezione, che tra loro s’estendono per ettari ed ettari i libri che puoi fare a meno di leggere, i libri fatti per altri usi che la lettura, i libri già letti senza nemmeno bisogno d’aprirli in quanto appartenenti alla categoria del già letto prima ancora d’essere stato scritto. E così superi la prima cinta dei baluardi e ti piomba addosso la fanteria dei libri che se tu avessi più vite da vivere certamente anche questi li leggeresti volentieri ma purtroppo i giorni che hai da vìvere sono quelli che sono.(..)

(..)Ti liberi con rapidi zig zag e penetri d’un balzo nella cittadella delle novità il cui autore o argomento ti attrae(..)

(..)Ti liberi con rapidi zig zag e penetri d’un balzo nella cittadella nelle novità il cui autore o argomento ti attrae, anche all’interno di questa roccaforte puoi praticare delle brecce tra le schiere dei difensori dividendole in novità d’autori o argomenti non nuovi (per te o in assoluto) e novità d’autori o argomenti completamente sconosciuti (almeno a te) e definire l’attrattiva che esse esercitano su di te in base ai tuoi desideri e bisogni di nuovo e di non nuovo (del nuovo che cerchi nel non nuovo e del non nuovo che cerchi nel nuovo). Tutto questo per dire che, percorsi rapidamente con lo sguardo i titoli dei volumi esposti nella libreria, hai diretto i tuoi passi verso una pila di se una notte d’inverno un viaggiatore freschi di stampa, ne hai afferrato una copia e l’hai portata alla cassa perché venisse stabilito il tuo diritto di proprietà su di essa.

Prendi la posizione più comoda: seduto, sdraiato, raggomitolato, coricato. Coricato sulla schiena, su un fianco, sulla pancia. In poltrona, sul divano, sulla sedia a dondolo, sulla sedia a sdraio, sul pouf. Sull’amaca, se hai un’amaca. Sul letto, naturalmente, o dentro il letto. Puoi anche metterti a testa in giù, in posizione yoga, col libro capovolto, si capisce. Certo, la posizione ideale per leggere non si riesce a trovarla. Una volta si leggeva in piedi, di fronte a un leggio. Si era abituati a stare fermi in piedi. Ci si riposava così quando si era stanchi d’andare a cavallo. A cavallo nessuno ha mai pensato di leggere; eppure ora l’idea di leggere stando in arcioni, il libro posato sulla criniera del cavallo,(…)

Home

Contatti

Potrebbe anche interessarti:

Precedente La prima guerra mondiale Successivo Narratore e punti di vista

Lascia un commento