La catena alimentare

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinyoutubetumblr

La catena alimentare

La catena alimentare
La marmotta è un chiaro esempio di consumatore C1

 

 

 

 

 

 

La catena alimentare è l’insieme degli organismi che si nutrono di organismi con altri livelli trofici.

La catena alimentare è dunque formata da diversi livelli trofici:
– produttori (A, organismi autotrofi)
– consumatori primari (C1, si nutrono di autotrofi)
– consumatori secondari (C2, si nutrono dei consumatori primari)
– consumatori terziari (C3, si nutrono dei consumatori secondari)
– consumatori quaternari (C4, si nutrono di consumatori terziari, ma negli ecosistemi terrestri è quasi impossibile trovarne).

Ecco un esempio per immagini di catena alimentare:

La catena alimentare

I detrivori sono organismi che vivono grazie ai prodotti di rifiuto di una comunità, ovvero della materia organica degli individui una molta che muoiono. Tra i detrivori si possono inoltre distinguere i saprofagi e i decompositori.

I saprofagi sono animali che si nutrono di detriti in stato di decomposizione (es. lombrichi, avvoltoi, granchi,..)

La catena alimentare

Attenzione però a non confondere i saprofagi con i saprofiti. I saprofiti sono infatti degli organismi vegetali che prosperano su materiale in decomposizione.

I decompositori sono generalmente più piccoli dei saprofagi e si occupano di decomporre la materia, trasformandola da organica a inorganica.

Sono decompositori molti funghi o batteri.
I detrivori appartengono generalmente, a seconda delle sostanze che degradano, al primo o al secondo livello trofico o a livelli trofici superiori.

 

Home 

Contatti

Potrebbe anche interessarti:

Precedente L'ecologia Successivo La rete alimentare e il flusso energetico

Lascia un commento

dieci + dodici =