Il problema della tolleranza religiosa nel 1600

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinyoutubetumblr

Il problema della tolleranza religiosa nel 1600

Il problema della tolleranza religiosa nel 1600

La tradizionale discussione sulla superiorità della teologia rispetto alla filosofia, che aveva caratterizzato la cultura del Medioevo e in parte quella rinascimentale trovò nuovi sbocchi nella definizione dei limiti precisi dei due campi di indagine e all’interno dell’ambito teologico-religioso si spostava sul discorso della tolleranzaSulla tolleranza si riflettevano aspetti e esigenze religiose, politiche e sociali. La Riforma protestante e la controriforma avevano reso problematica la convivenza tra “riformati” e “papisti” e aveva visto nascere al suo interno fazioni spesso opposte tra loro (calvinisti, luterani,..). Lo scontro con i teologi e l’incontro con culture differenti, molto ricche culturalmente ma con religioni diverse aveva portato il dibattito sulla tolleranza religiosa e sulla possibilità di coesistenza delle culture a un livello molto acceso.

La nazione che meglio presentava la situazione del nuovo clima culturale del XVII secolo era l’Olanda. Lo sviluppo dei commerci,la crescita economica (banche,..) e il consolidamento della borghesia mercantile permisero a questo paese e in particolare ad Amsterdam di diventare un centro di passaggio di molte comunità perseguitate. La Repubblica delle Province Unite, dove risiedeva ancora l’eredità culturale dell’umanista Erasmo da Rotterdam (1469-1536) di pacifismo e tolleranza, accolse e difese tutti gli esiliati di ogni nazione e religione, inoltre offrì ospitalità alle minoranze politiche e religiose.

In questo paese nacque e visse il grande filosofo di origine ebraica Benedetto Spinoza (1632-1677), autore del Trattato teologico-politico (1670), in cui rivendicò la libertà di pensiero e le libertà civili, teorizzando anche il concetto di democrazia.

Un altra importante figura attivo in Olanda fu Ugo Grozio, che gettò le basi per il diritto dei popoli nella sua opera De jure belli ac pacis (1625). 

Il problema della tolleranza religiosa venne preso molto seriamente da parte di questo paese che permise a molte persone, che in seguito divennero grandi pensatori o figure importanti in un determinato ambito sociale di vivere in modo più tranquillo.

Home

Contatti

Potrebbe anche interessarti:

Lascia un commento

*